Katana

Katana (libro e e-book) è disponibile nella pagina dello store

“Mi ha lasciato addosso e dentro dell’inquietudine, della compassione, della sofferenza. E trovo che sia uno dei migliori risultati cui possa ambire uno scrittore in questi tempi distratti: il coinvolgimento del lettore, la sua partecipazione emotiva.” Franco Zanetti, Rockol.

“Coppola descrive Michele e parla dell’umana debolezza, della mancata forza, come se troppo gli avessimo confessato.” Tiziana Nardone, Il Vaglio.

“Katana affascina, pretende l’attenzione del lettore, disturbando e chiamando in causa un meccanismo di identificazione e fratellanza. Michele lo siamo un po’ tutti, di questi tempi.” Amalia Dall’Osso, LostHighways.

Michele è un giovane agente immobiliare. Non ha amici e non ha mai fatto l’amore con una donna: è un uomo senza identità, che non riesce a stabilire un collegamento con il reale. Quando la sua carriera sta per giungere a una svolta, un avvenimento del tutto inaspettato manda in pezzi il suo fragile equilibrio. Narrato con un linguaggio asciutto ed essenziale, e ambientato nella Milano livida e alienante dell’ultimo decennio, Katana è un romanzo sulla casualità e sulla banalità dell’esistenza.

La prima stesura di Katana risale a cinque anni fa. Ci ho lavorato moltissimo, rubando il tempo qua e là, continuando a limare il linguaggio e a tagliare tutto ciò che mi sembrava superfluo. Se dovessi definire Katana, direi che è un romanzo new wave – una storia scura, urbana e carica di elettricità. Mentre scrivevo, ho ascoltato ossessivamente due dischi in particolare, An End Has a Start degli Editors e Turn On The Bright Lights degli Interpol, che mi hanno aiutato a trovare il giusto passo, il ritmo adatto e il linguaggio più efficace per raccontare questa storia. Ho scelto questo titolo non per il significato della parola (la Katana è la spada del samurai) ma per il suono e il ritmo – è composta di tre sillabe di due lettere che finiscono per “a” (Ka-ta-na) – e per quel senso di gesto definitivo che ogni arma da taglio porta con sé. Inoltre, il nome Katana contiene anche un velato (e molto umile) omaggio a Ágota Kristóf e alla sua Trilogia della città di K.

Katana: il booktrailer
Katana: leggi il primo capitolo

Stampa

Alessandro Beretta, Corriere della Sera: intervista
Raffaella Oliva, Corriere della Sera: intervista
Franco Zanetti, Rockol: recensione
Alberto Motta, Maxime: recensione
Tiziana Nardone, Il Vaglio: recensione
Eliana Barlocco, Mescalina: recensione
Pierluigi Lucadei, Il Mascalzone: intervista
Amalia Dell’Osso, Losthighways.it: recensione + intervista

Acquista

Katana (libro e e-book) è disponibile nella pagina dello store

 

Un pensiero su “Katana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...